Da Ufficio Agroambiente Caccia e Pesca

Ti trovi qui: Da Ufficio Agroambiente Caccia e Pesca

Convocazione Consulta Regionale per la pesca sportiva dilettantistica

/convocazione-consulta-regionale-to-blu-.pdf

In allegato file contenete la convocazione della Consulta Regionale per la pesca sportiva dilettantistica prfevista per venerdì 19 gennaio 2024 alle ore 14.30. L'ordine del giorno prevede l'esame dei seguenti pun

1. proposte per il Bando per il sostegno regionale a favore delle associazioni dei
pescatori dilettantistico-sportivi e amatoriali per l’anno 2024;
2. modifiche della Carta ittica regionale a seguito della prima revisione del documento
approvato con DGR n. 1747 del 30 dicembre 2022;
3. proposte per il rinnovo della Consulta Regionale per la Pesca Ricreativa;

Si prega di comunicare eventuali proposte e/o suggerimenti. Allegato file originale.

 
 
 

Allegato A) al Decreto n. 826 del 18 dicembre 2023 pag. 1/20 DGR n. 79

Approvazione della graduatoria provvisoria delle istanze di concessione relative alla provincia di Vicenza

Allegato A) al Decreto n. 826 del 18 dicembre 2023 pag. 1/20 DGR n. 796 del 27 giugno 2023

Allegato in formato PDF della graduatoria provvisoria delle istanze relative alle domande di rilascio concessione di pesca l’esercizio della pesca sportiva e dilettantistica realtive alla provincia di Vicenza

 
 
 

Geoportale della Carta Ittica Regionale

Carta Ittica Regionale - Geoportale sito Regione del veneto

Riceviamo e alleghiamo lettera pervenuta dagli uffici caccia e pesca della Regione del Veneto, nella quale si comunica che nel sito regionale dedicato alla pesca amatoriale sportiva è stata pubblicata la carta ittica regionale in formato geografico, al fine di facilitare il pescatore amatoriale-sportivo nella scelta delle zone, con specifiche relative. Si tratta indubbiamente di un lavoro molto utile ai fini dell'esercizio della pesca. Si invita alla consultazione.

 
 
 

Proroga delle Concessioni di Pesca amatoriale-sportiva

/decreto-g.r.-n.-200-del-29.06.23-proroga-concessioni.pdf

In data odierna, una volta pubblicato il bando per il rinnovo delle concessioni di pesca sportiva-amatoriale nelle acque interne della Regione del Veneto (vedi comunicato in questa stessa pagina) si è reso necessaria da parte della Giunta Regionale con suo decreto n. 200, la proroga delle concessioni in scadenza al 30.06.2023. La nuova data è stata fissata al 31 dicembre 2023, scadenza entro la quale si suppone siano state assegnate le nuove concessioni post bando.

In allegato il testo integrale

 
 
 

Approvazione del bando per il rilascio delle concessioni

Approvazione del bando per il rilascio delle concessioni per l’esercizio della pesca sportiva e dilettantistica nelle acque interne della Regione Veneto.

Si allegacopia dell'Approvazione del bando per il rilascio delle concessioni per l’esercizio della pesca sportiva e dilettantistica nelle acque interne della Regione Veneto. Legge Regionale 28 aprile 1998, n. 19, articolo 30”.

A disposizione per eventuale supporto.
 

 
 
 

Approvazione assegnazione graduatorie provvisorie bandi 2023

Approvazione assegnazione graduatorie provvisorie bandi 2023 a favore delle ASPD

In allegato copia della Trasmissione DDR n. 252 del 28/06/2023. Approvazione delle graduatorie provvisorie dei progetti acquisiti a seguito dell’apertura dei termini disposta con DGR n. 265 del 15 marzo 2023 “Approvazione del bando per il sostegno regionale a favore delle progettualità espresse dalle associazioni dei pescatoridilettantistico-sportivi e amatoriali per l’anno 2023. Art. 27 quater L.R. 28 aprile 1998, n. 19”.
 

 
 
 

Decreto di proroga normativa pesca alborella Lago di Garda

Decreto di proroga normativa pesca alborella Lago di Garda

In allegato il Decreto integrale relativo alla proroga al 31.12.2023 delle norme contenute nel Piano di Miglioramento della Regione del Veneto relativamente alla pesca dell'alborella nel Lago di Garda

 
 
 

Progetto di ripopolamento di storione dell’Adriatico

 
 

Obblighi Ittiogenici 2023

Obblighi Ittiogenici 2023

Si trasmette in allegato il decreto n. 307 del 06.04.2023 contenente l'autorizzazione di immissione degli obblighi ittiogenici. Per conoscenza

 
 
 

Divieto di pesca sportiva dell'anguilla per tutto il 2023.

/masaf-2023-0152580-allegato-decretoanguilla2023finale-signed.pdf

Si trasmette in allegato il decreto ministeriale del 13/3/2023 che vieta la pesca sportiva dell'anguilla per tutto il 2023.

 
 
 

Carta Ittica Regionale, e il regolamento Regionale 3 gennaio 2023, n.

  • Carta Ittica Regionale e il regolamento Regionale 3 gennaio 2023, n. 1
  •  

    La deliberazione n. 1747 del 30 dicembre 2022, con la quale è stata approvata la Carta Ittica Regionale, e il regolamento Regionale 3 gennaio 2023, n. 1, sono stati pubblicati sul BUR n. 1 del 3 gennaio 2023. La Carta Ittica Regionale e il Regolamento Regionale n. 1/2023 entreranno in vigore trascorsi quindici giorni dalla data della loro pubblicazione, cioè entreranno in vigore alle ore 00:01 di giovedì 19 gennaio 2023.

    Il collegamento automatico alla pagina web dove è possibile scaricare tutti i documenti costituenti la Carta Ittica Regionale è : https://www.regione.veneto.it/web/pesca/carta-ittica-regionale

     
     
 
 

Piano gestione del Veneto

 
 
 

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 718 / DGR del 14/06/2022

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 718 / DGR del 14/06/2022

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 718 / DGR del 14/06/2022 - Proroga in materia di gestione della

fauna ittica e regolamentazione dell'attività di pesca dilettantistico-sportiva. Si riporta nota integrale

 

 

giunta regionale XI legislatura

 

 

Proposta n. 1001 / 2022

  

PUNTO 38 DELL’ODG DELLA SEDUTA DEL 14/06/2022

 

ESTRATTO DEL VERBALE

 
  Casella di testo: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 718 / DGR del 14/06/2022

OGGETTO:
Proroga fino al 31 dicembre 2022 dell'efficacia di quanto disposto con DGR n. 1520 del 22/10/2019, DGR n. 43 del 21/01/2020, DGR n. 1737 del 15/12/2020 e DGR n. 1801 del 15/12/2021 in materia di gestione della fauna ittica e regolamentazione dell'attività di pesca dilettantistico-sportiva.

 

 

 

Presidente

Luca Zaia

Assente

Vicepresidente

Elisa De Berti

Presente

Assessori

Gianpaolo E. Bottacin

Presente

 

Francesco Calzavara

Presente

 

Federico Caner

Presente

 

Cristiano Corazzari

Presente

 

Elena Donazzan

Assente

 

Manuela Lanzarin

Presente

 

Roberto Marcato

Presente

Segretario verbalizzante

Lorenzo Traina

 

 

 

 

 
  Casella di testo: RELATORE ED EVENTUALI CONCERTI

CRISTIANO CORAZZARI

 

 

 
  Casella di testo: STRUTTURA PROPONENTE

AREA MARKETING TERRITORIALE, CULTURA, TURISMO, AGRICOLTURA E SPORT

 

 

 
  Casella di testo: APPROVAZIONE

Sottoposto a votazione, il provvedimento è approvato con voti unanimi e palesi.

 


 

XI Legislatura

 

 

OGGETTO:       Proroga fino al 31 dicembre 2022 dell'efficacia di quanto disposto con DGR n. 1520 del 22/10/2019, DGR n. 43 del 21/01/2020, DGR n. 1737 del 15/12/2020 e DGR n. 1801 del

15/12/2021 in materia di gestione della fauna ittica e regolamentazione dell'attività di pesca dilettantistico-sportiva.

 

NOTE PER LA TRASPARENZA:

Con il presente provvedimento viene disposta la proroga dell’efficacia di quanto disposto con DGR n. 1520 del 22/10/2019, DGR n. 43 del 21/01/2020, DGR n. 1737 del 15/12/2020 e DGR n. 1801 del 15/12/2021,

in materia di immissioni di fauna ittica, gestione degli obblighi ittiogenici e istituzione di zone di divieto di pesca, fino al 31 dicembre 2022, nelle more dell’approvazione della Carta Ittica Regionale al termine della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.), ai sensi della DGR n. 791 del 31 marzo 2009.

  

Il relatore riferisce quanto segue.

 

La Legge Regionale 07 agosto 2018, n. 30, recante “Riordino delle funzioni provinciali in materia di caccia e pesca in attuazione della legge regionale 30 dicembre 2016, n. 30, nonché conferimento di funzioni alla provincia di Belluno ai sensi della legge regionale 8 agosto 2014, n. 25” ha apportato significative modifiche alle norme regionali in materia di caccia e pesca, tra le quali la Legge Regionale 28 aprile 1998,

n. 19 “Norme per la tutela delle risorse idrobiologiche e della fauna ittica e per la disciplina dell’esercizio della pesca nelle acque interne e marittime interne della Regione Veneto”.

L’articolo 1, comma 31, della citata L.R. n. 30/2018 prevede che, “nelle more dell'entrata in vigore della Carta ittica regionale e del regolamento regionale per la pesca, di cui rispettivamente agli articoli 5 e 7 della Legge Regionale 28 aprile 1998, n. 19 come modificati dalla presente legge, restano in vigore le Carte ittiche provinciali e i regolamenti provinciali per la pesca, questi ultimi anche ai fini di cui agli articoli 12, 13, 14 e 33 della medesima legge regionale”.

La Giunta Regionale, con deliberazione n. 1079 del 30 luglio 2019 ha stabilito che il regime transitorio previsto dall'articolo 11, comma 1 della L.R. n. 30/2018, in forza del quale le province e la Città metropolitana di Venezia hanno continuato ad esercitare le funzioni già conferite agli stessi Enti fino alla conclusione del riordino normativo e organizzativo, trovasse applicazione sino alla data del 30 settembre 2019.

Pertanto, dalla data del 01 ottobre 2019 è entrato in vigore, con piena efficacia, il Regolamento Regionale 28 dicembre 2018, n. 6, per la pesca e l’acquacoltura che ha sostituito i previgenti regolamenti provinciali. Per quanto riguarda la Carta Ittica Regionale, in considerazione del riordino delle funzioni in materia di caccia e pesca e di quanto previsto all’articolo 5 della L.R. n. 19/1998, la Regione Veneto si sta dotando di tale importante piano di settore finalizzato a programmare e regolamentare la tutela del patrimonio ittico e le attività di pesca sia di tipo professionale sia di tipo amatoriale, dilettantistico e sportivo, nonché le attività di acquacoltura, su tutte le acque interne e marittime interne del territorio regionale.

La Giunta Regionale, con D.G.R. n. 1519 del 22 ottobre 2019, ha approvato il Documento Preliminare e il Rapporto Ambientale Preliminare della Carta Ittica Regionale, quali documenti previsti dalla Fase 1) della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) per Piani e Programmi di competenza regionale di cui all’Allegato A) della D.G.R. n. 791 del 31 marzo 2009.

Successivamente, la Giunta Regionale, con D.G.R. n. 1042 del 28 luglio 2021, ha provveduto ad adottare, ai fini e secondo quanto previsto dalla Fase 4 - adozione dell'Allegato "A" alla DGR n. 791/2009, gli elaborati costituenti la proposta di Carta Ittica Regionale, ai fini dell'avvio delle consultazioni previste dalla Fase 5 della procedura di Valutazione Ambientale Strategica ai sensi del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e della D.G.R. n. 791 del 31 marzo 2009.

Le osservazioni pervenute dai portatori di interesse durante la Fase 5 di Consultazione e Partecipazione sono state istruite dall’Autorità procedente e sono state oggetto di verifica e di espressione di parere da


parte dei tecnici valutatori incaricati, comportando delle modifiche ai documenti costituenti la Carta Ittica regionale.

Inoltre, a seguito della variazione dell’assetto normativo di cui ai commi 835, 836, 837 e 838 dell’articolo 1 della Legge n. 234 del 30 dicembre 2021 “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024”, e della successiva integrazione con il comma 837 bis, di cui alla Legge n. 15 del 25 febbraio 2022, conversione del D.L. 30/12/2021 n. 228, relativamente alle attività di immissione di fauna ittica, è risultato necessario effettuare ulteriori modifiche nei testi costituenti la Carta Ittica regionale, che hanno comportato un prolungamento dei tempi per l’approvazione della stessa da parte della Giunta Regionale.

In particolare, il comma 836 del citato articolo 1 della legge n. 234/2021 prevede che “al fine dell'adeguamento al divieto di immissione in natura di specie non autoctone di cui all'articolo 12, comma 3, del citato decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano conformano i rispettivi sistemi di gestione ittica entro centottanta giorni dalla conclusione dei lavori del Nucleo di ricerca e valutazione di cui al comma 835 consentendo l'immissione delle sole specie riconosciute come autoctone dalle rispettive carte ittiche”.

Inoltre, il comma 837 bis del citato articolo 1 della legge n. 234/2021 prevede che “al fine di consentire un’adeguata politica di gestione delle specie ittiche alieutiche, fino al 31 dicembre 2023 non trova applicazione l'articolo 12, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, per le sole disposizioni riguardanti l’immissione in natura di specie non autoctone la cui immissione era autorizzata in data antecedente all'applicazione del decreto direttoriale del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 2 aprile 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 98 del 14 aprile 2020”.

Pertanto, nelle more dell’approvazione della Carta Ittica Regionale, al termine dell’espletamento della procedura di Valutazione Ambientale Strategica, continuano a mantenere la loro efficacia fino alla data di approvazione della Carta Ittica Regionale le disposizioni delle Carte Ittiche Provinciali e dei Piani di miglioramento della pesca approvati dalle Province, limitatamente alle parti che non siano in contrasto con quanto previsto dal Regolamento Regionale 28 dicembre 2018, n. 6, così come previsto dall’articolo 1, comma 31, della L.R. n. 30/2018.

In considerazione degli adempimenti amministrativi sopra descritti, la Giunta Regionale, con deliberazione

n. 1520 del 22 ottobre 2019, ha stabilito che, nelle more dell’approvazione della Carta Ittica Regionale e fino al 31 dicembre 2020:

              le autorizzazioni per le semine di specie ittiche ai fini della pesca sportiva e dilettantistica nonché per l’assolvimento degli obblighi ittiogenici, di cui all’articolo 30 del Reg. reg. n. 6/2018, possano essere rilasciate in base ai criteri già definiti dalle Carte Ittiche Provinciali e dei Piani di miglioramento della pesca;

              a garanzia della tutela dei popolamenti originari della specie Trota marmorata, Salmo trutta marmoratus, gli esemplari devono provenire da Impianti ittiogenici specializzati a ciclo completo di produzione, a partire da riproduttori selezionati su base genetica, catturati nel bacino idrografico di riferimento (Bacino Adige, Bacino Brenta-Astico e Bacino Piave-Sile-Livenza);

              sia confermata in capo all’Agenzia Veneta per l’Innovazione nel Settore Primario, ai sensi e per gli effetti della L.R. 28/11/2014, n. 37, la gestione degli obblighi ittiogenici prescritti agli utenti di derivazioni idrauliche in base al R.D. n. 1604 dell’8.10.1931, con le stesse modalità già applicate nell’ultimo quinquennio, nonché garantendo i medesimi livelli di qualità nel controllo delle forniture di materiale ittico, per tutte le acque regionali, con l’esclusione del territorio della provincia di Belluno, nel rispetto di quanto stabilito dall’articolo 9, comma 2, della L.R. n. 30/2018;

              siano confermate le metodologie di calcolo per la quantificazione degli obblighi ittiogenici approvate con D.G.R. n. 1381 del 17/07/2012 quali metodologie da applicare per le attività di cui al precedente punto 3).

 

Per gli stessi motivi, sempre nelle more dell’approvazione della Carta Ittica Regionale, la Giunta Regionale, con deliberazione n. 43 del 21 gennaio 2020, ha stabilito di istituire, ai sensi dell’articolo 5, comma 5, della L.R. n. 19/1998, così come modificato con L.R. n. 30/2018, le zone di divieto di pesca con validità fino al 31 dicembre 2020 nei corsi d’acqua e nei corpi idrici richiamati in premessa e descritti nel dettaglio nell’elenco allegato allo stesso provvedimento per farne parte integrante.

Successivamente la Giunta Regionale con i seguenti provvedimenti:


-  deliberazione n. 1737 del 15 dicembre 2020, ha stabilito di prorogare l’efficacia di quanto stabilito con deliberazione n. 1520 del 22 ottobre 2019 e con deliberazione n. 43 del 21 gennaio 2020, fino al 31 dicembre 2021, nelle more dell'approvazione della Carta Ittica Regionale;

-  deliberazione n. 1801 del 15 dicembre 2021, ha stabilito di prorogare l’efficacia di quanto stabilito con deliberazione n. 1520 del 22/10/2019 e con deliberazione n. 43 del 21/01/2020, fino al 30 giugno 2022, nelle more dell'approvazione della Carta Ittica Regionale.

Per tali motivi, in considerazione del perdurare delle condizioni e delle motivazioni dettagliatamente esposte nelle premesse, vi è la necessità di prorogare gli effetti di quanto disposto con le citate deliberazioni fino al 31 dicembre 2022, nelle more dell'approvazione della Carta Ittica Regionale al termine della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.).

 

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

 

 

LA GIUNTA REGIONALE

 

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

 

VISTA la legge regionale 28 aprile 1998, n.19; VISTA la legge regionale 07 agosto 2018, n. 30 VISTO il Regolamento Regionale 28 dicembre 2018, n. 6;

VISTA la D.G.R. n. 1079 del 30 luglio 2019;

VISTA la D.G.R. n. 1520 del 22 ottobre 2019;

VISTA la D.G.R. n. 43 del 21 gennaio 2020;

VISTA la D.G.R. n. 1737 del 15 dicembre 2020;

VISTA la D.G.R. n. 1801 del 15 dicembre 2021;

VISTO l'art. 2, comma 2, della Legge Regionale n. 54 del 31 dicembre 2012;

  

DELIBERA

  

1.    di approvare le premesse che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

2.    di prorogare l’efficacia di quanto stabilito con deliberazione n. 1520 del 22 ottobre 2019 fino al 31 dicembre 2022 nelle more dell'approvazione della Carta Ittica Regionale, al termine della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.), con particolare riferimento ai seguenti punti:

 

              le autorizzazioni per le semine di specie ittiche ai fini della pesca sportiva e dilettantistica nonché per l’assolvimento degli obblighi ittiogenici, di cui all’articolo 30 del Reg. reg. n. 6/2018, possano essere rilasciate in base ai criteri già definiti dalle Carte Ittiche Provinciali e dai Piani di miglioramento della pesca;

              a garanzia della tutela dei popolamenti originari della specie Trota marmorata, Salmo trutta marmoratus, gli esemplari devono provenire da Impianti ittiogenici specializzati a ciclo completo di produzione, a partire da riproduttori selezionati su base genetica, catturati nel bacino idrografico di riferimento (Bacino Adige, Bacino Brenta-Astico e Bacino Piave-Sile-Livenza);

              sia confermata in capo all’Agenzia Veneta per l’Innovazione nel Settore Primario, ai sensi e per gli effetti della L.R. 28/11/2014, n.37, la gestione degli obblighi ittiogenici prescritti agli utenti di derivazioni idrauliche in base al R.D. n. 1604 dell’8.10.1931, con le stesse modalità già applicate nell’ultimo quinquennio, nonché garantendo i medesimi livelli di qualità nel controllo delle forniture di materiale ittico, per tutte le acque regionali, con l’esclusione del territorio della provincia di Belluno, nel rispetto di quanto stabilito dall’articolo 9, comma 2, della L.R. n. 30/2018;


              siano confermate le metodologie di calcolo per la quantificazione degli obblighi ittiogenici approvate con D.G.R. n. 1381 del 17/07/2012 quali metodologie da applicare per le attività di cui al punto precedente;

 

3.    di prorogare la validità delle zone di divieto di pesca istituite con deliberazione n. 43 del 21 gennaio 2020, fino al 31 dicembre 2022 nelle more dell'approvazione della Carta Ittica Regionale, al termine della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.);

4.    di incaricare il Direttore della Direzione Agroambiente, Programmazione e Gestione ittica e faunistico-venatoria dell’esecuzione del presente provvedimento;

5.    di dare atto che la presente Deliberazione non comporta spese a carico del Bilancio regionale;

6.    di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

 

  

 

IL VERBALIZZANTE

Segretario della Giunta Regionale f.to - Dott. Lorenzo Traina 

 
 
 

Bandi pesca amatoriale-sportiva anno 2022

 
 

Carta Ittica Regionale

Sul BUR di venerdì 6 agosto 2021, è stata pubblicata la DGR n. 1042 del 28 luglio 2021 con la quale è stata adottata la Carta Ittica Regionale (si veda allegato a questo messaggio).

 

Sullo stesso BUR del 6 agosto 2021 è stato pubblicato anche l'Avviso Pubblico, che allego a questo messaggio, con il quale sono stati aperti i termini per la presentazione delle osservazioni.

Si riporta per intero il comunicato e si invitano i lettori alla consultazione della documentazione attraverso il sito

https://www.regione.veneto.it/web/pesca/valutazione-ambientale-strategica

 

 

"REGIONE DEL VENETO

Direzione Agroambiente, Programmazione e Gestione Ittica e Faunistico - Venatoria. Avviso di avvio della

consultazione pubblica sulla VAS della Carta Ittica Regionale della Regione del Veneto ai sensi degli articoli 13 e 14 del

D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152.

La Giunta regionale, con D.G.R. n. 1042 del 28 luglio 2021, ha adottato la proposta di Carta Ittica Regionale della Regione del

Veneto di cui all'articolo 5 della L.R. n. 19/1998 e, in riferimento alla relativa procedura di Valutazione Ambientale Strategica,

la proposta di Rapporto Ambientale, di Sintesi non tecnica e la Relazione per la Valutazione di Incidenza Ambientale.

Il Proponente e Autorità Procedente è la Direzione Agroambiente, Programmazione e Gestione ittica e faunistico - venatoria

della Regione del Veneto, con sede in Via Torino 110, Venezia-Mestre (Telefono 041/2795419), presso la quale i documenti

adottati con D.G.R. n. 1042 del 28 luglio 2021 sono depositati e consultabili in formato cartaceo.

La procedura di VAS ha preso avvio con D.G.R. n. 1519 del 22 ottobre 2019, con la quale sono stati approvati il Documento

Preliminare e il Rapporto Ambientale Preliminare, che contengono una sintetica descrizione del piano e dei suoi possibili

effetti ambientali (scaricabili in formato digitale dal sito Internet regionale all'indirizzo:

https://www.regione.veneto.it/web/pesca/valutazione-ambientale-strategica

Tutti i documenti costituenti la proposta di Carta Ittica Regionale adottata con D.G.R. n. 1042 del 28 luglio 2021, unitamente al

Rapporto Ambientale, alla Sintesi non tecnica e alla Relazione per la Valutazione di Incidenza Ambientale, sono integralmente

scaricabili in formato digitale dal sito Internet regionale all'indirizzo:

https://www.regione.veneto.it/web/pesca/valutazione-ambientale-strategica

La documentazione sarà consultabile per 60 giorni dalla data di pubblicazione del presente avviso sul Bollettino Ufficiale della

Regione del Veneto. Gli interessati possono prendere visione dei documenti ed eventualmente estrarne copia.

Le eventuali osservazioni dovranno essere trasmesse entro 60 giorni dalla pubblicazione del presente avviso sul B.U.R. del

Veneto, via posta elettronica certificata all'indirizzo agroambientecacciapesca@pec.regione.veneto.it indicando quale oggetto

del messaggio "Carta Ittica Regionale. Trasmissione osservazioni VAS". Le osservazioni devono essere allegate alla PEC

esclusivamente in formato ".pdf".

Direzione Agroambiente, Programmazione e Gestione ittica e faunistico - venatoria

- Dott. Gianluca Fregolent

(La Deliberazione della Giunta regionale n. 1042 del 28 luglio 2021 è pubblicata in parte seconda - sezione seconda del

presente Bollettino, ndr)"

 
 
 

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 287 / DGR del 22/03/2022 - Tabellazione

  • /dgr-n.-287-del-22.03.22-tabellazione.pdf
  • Con la presente delibera, vengo fissate le norme per la tabellazione delle acque interne e marittime al fine della pesca. E' di seguito indicato anche il fac-simile della singola tabella e le specifiche delle misure e del materiale con il quale le stesse devono essere prodotte. Il tutto entrerà in vigore con l'approvazione definitiva della nuova Carta Ittica Regvionale.

     
     
 
 

Pesca tradizionale

  • /pesca-tradizionale.pdf
  • Approvata la procedura per il rilascio autorizzazioni per alcuni tipi di pesca tradizionale. Di seguito i file integrali

     
     
 
 

Modelli permessi di pesca

 
 

Carta Ittica Regionale, e il regolamento Regionale 3 gennaio 2023, n.

     

    Gestione dei volontari nel terzo settore - APS comprese

     
     
     

    Geoportale della Carta Ittica Regionale

     
     
     

    Geoportale della Carta Ittica Regionale

     
     
     
    Realizzato da w-easy